E.D.C. - 1° parte

EDC1

Siate diversi

Sempre più persone non hanno senso pratico: vivono in contesti urbanizzati, dove se serve qualcosa lo si compra, e se si ha bisogno di aiuto si chiede. Se un imprevisto si verifica fuori da un centro abitato, o con i negozi chiusi, o quando le persone vicine non possono o vogliono essere d’aiuto, è ovvio come questo approccio sia inadeguato e rischioso: vi siete mai trovati con una gomma a terra, in montagna, d’inverno?

Le capacità

Per non essere in balìa degli eventi, bisogna lavorare su ciò che abbiamo sempre a disposizione: noi stessi. L’obiettivo è farsi trovare preparati: se possibile prevenire i problemi, e imparare a risolverli quando inevitabili.
Innanzitutto bisogna cambiare abitudini: fare benzina prima di essere in riserva, avere sempre dei contanti, annotare i numeri importanti anche su un pezzo di carta invece di tenerli solo nel telefono. Tutti comportamenti di buonsenso, che troppi non hanno.

Inoltre bisogna sviluppare le proprie capacità: cambiare un pneumatico, cucire un bottone, collegare un filo elettrico, sono cose elementari, che si apprendono in un attimo e tornano utili spesso. Altre, come sapersi calare con una corda o praticare un massaggio cardiaco, potrebbero servire solo una volta nel corso di una vita, ma fare la differenza. Quindi? Dove fermarsi? Cosa imparare? Non potendo sapere in anticipo quello che ci accadrà, meglio saper fare quante più cose possibili, valutando il rapporto fra tempo necessario per costruire una competenza, e la probabilità di usarla.

Infine, dotarsi di un Kit E.D.C. renderà tutto più semplice.

Il Kit E.D.C.

E.D.C. significa “Every Day Carry”, e indica quello che ci si porta dietro tutti i giorni: una selezione di oggetti facilmente trasportabile, essenziale e senza la pretesa di essere completa, capace di facilitarci le cose.
Capire cosa includere richiede un attento studio: se conterrà troppe cose, peso e ingombri ne ridurranno la portabilità, mentre troppo poche ne limiteranno l’utilità.

Su misura

Il kit che vedete qui è basato sulle le mie esperienze e necessità. Prendetelo come punto di partenza e modificatelo, aggiungendo e togliendo cose in base alle vostre esigenze. Limitarsi a copiare le scelte di altri è comodo ma sbagliato: ciascuno di noi fa cose differenti, e si muove in ambienti diversi. E’ molto importante restare a contatto con la realtà: ci sono un sacco di gadget attraenti, ma dobbiamo limitarci allo stretto indispensabile.
Il mio kit è in continua evoluzione: se volete condividere la vostra esperienza, o suggerirmi aggiunte o modifiche, scrivetemi. Periodicamente aggiornerò questa pagina.

L’essenziale addosso

Non sempre abbiamo uno zaino o una tracolla, e far stare tutto nei pantaloni è impossibile. Per questo divideremo il nostro Kit EDC in due gruppi di oggetti: uno primario che distribuiremo addosso, cercando di posizionare ogni cosa sempre allo stesso posto per sapere subito dove trovarla, e uno secondario, che metteremo in un organizer compatto, di cui parleremo nella seconda parte.

Packing list

Ecco la lista degli oggetti che compongono il mio kit E.D.C. essenziale. Vedremo come sceglierli in altre guide.

1- Multiuso e/o coltello, secondo quanto consentito dalle leggi del Paese in cui ci troviamo. Qui  Viper Dan II e Victorinox Handyman.

2- Cellulare Google Nexus 5X. Va bene il modello che preferite, purché affidabile e con credito. Consiglio vivamente una protezione per lo schermo in vetro temperato, e una cover robusta, come quelle offerte da Urban Armour Gear o Supcase.

3- Portafoglio con soldi e documenti. Qui il Tasmanian Tiger Wallet con blocco RFID.

4- Torcia Nitecore MT1C.

5- Chiavi, che vi consiglio di riunire in un Keybar.

6- Orologio Casio Pro Trek PRG-240.

7- Moschettone Kong da 600Kg: comodo per appendere un cappello o le chiavi.

Armi

Alcune persone hanno la necessità di difendersi, e portano un’arma da fuoco o altri strumenti, come taser o spray urticanti.
E’ una questione delicata che preferisco non trattare qui.

Se avete questa necessità, il mio consiglio è di informarvi sulle leggi vigenti nel vostro Paese e, se decidete portare qualcosa per difesa, allenarvi assiduamente nell’uso altrimenti evitare.

2° parte →